Privacy Policy Controllate le unghie dei vostri cani e gatti? – muso a muso | Negozio per animali a Latina

Controllate le unghie dei vostri cani e gatti?

Insegnare al gatto a usare il tiragraffi è possibile?
19 Febbraio 2021
Cani e i gatti anziani: problematiche della terza età
5 Marzo 2021
Mostra tutto

Controllate le unghie dei vostri cani e gatti?

Molti padroni sottovalutano l’importanza del controllo delle unghie di cani e gatti, ma è un fattore molto importante. Se non vengono consumate regolarmente infatti, e questo capita soprattutto agli animali che vivono in casa, la loro crescita potrebbe portare disagi ai nostri amici a quattro zampe.

Il problema delle unghie nei cani

Solitamente i cani mantengono la giusta lunghezza delle unghie camminando su superfici abrasive (selciato, asfalto ecc.). Gli animali abituati a vivere in casa però, camminando solo sul pavimento delle nostre abitazioni o sull’erba del nostro giardino, avranno necessariamente unghie più lunghe non riuscendo a limarle bene.
Le unghie di un cane sono da considerarsi troppo lunghe quando, nel momento in cui il nostro cane è in piedi, tocca per terra o, nei casi più gravi, si piega di lato e solleva il polpastrello. Uno sguardo in più va dato a soggetti molto anziani e che quindi camminano poco o a quei cagnolini che passano la loro vita in braccio ai loro proprietari, cosa a nostro avviso molto sbagliata e contro natura. Anche nei cani che camminano molto, bisogna fare molta attenzione allo sperone, non toccando a terra non si consuma e se diventa troppo lunga può spezzarsi, incarnirsi o impigliarsi.

A volte la crescita spropositata delle unghie può essere conseguenza di alcune patologie del cane. Nella leishmaniosi ad esempio, uno dei sintomi più frequenti è l’onicogrifosi, ovvero la deformazione dell’unghia che può essere allungata o distorta.


Il problema delle unghie nei gatti

Se il nostro gatto vive all’esterno, è sconsigliabile tagliargli le unghie, dato che lo aiutano ad arrampicarsi, oltre ad essere un’ottima arma di difesa.
Per quelli che vivono in casa invece, è consigliabile tagliarle ogni 15/20 giorni.

Le unghie troppo lunghe si posso facilmente spezzare rimanendo impigliate, procurando dolore ai nostri amici oltre ad un rischio di infezione. La curvatura eccessiva di un’unghia è pericolosa perché potrebbe penetrare nel polpastrello, particolare attenzione va data ai gatti anziani perchè a questi soggetti le unghie crescono molto e si ispessiscono, si curvano e bucano il polpastrello causando dolore, zoppia e infezione.

Oltre al controllo periodico, il tiragraffi può aiutare il gatto a limarsi le unghie, quindi è indispensabile averne almeno uno in casa. Ce ne sono di vari modelli, deve essere solido e deve rimanere fermo altrimenti il gatto non lo userà. Il tiragraffi è importante che venga posto in una zona di passaggio della casa dove abbia senso lasciare dei feromoni per indicare la sua presenza. Sapete perché il gatto ama farsi le unghie sul divano? E’ verticale, è stabile e di solito è nel centro della casa dove tutta la famiglia è di passaggio e lascia il proprio odore. Il gatto vuole lasciare anche il suo. Cani e gatti non amano farsi tagliare le unghie, per questo consigliamo di educarli fin da piccoli a questa pratica, in modo da renderli più docili. 


Abituarli da cuccioli

Le unghie troppo lunghe possono modificare la loro andatura e generare gravi problemi alle ossa e alle articolazioni.

Non tagliando le unghie con regolarità, la vena al loro interno continua a crescere, rendendo più difficile riportarle alla lunghezza corretta.

I sintomi più comuni di un problema alle unghie sono: leccamento nella zona interessata, zoppia, difficoltà a camminare, gonfiore o arrossamento della zona circostante le unghie, deformità e colore anomalo.

Vi invitiamo a controllarle periodicamente.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *